Storia della musica

santa-cecilia-lapbook (1)

La musica costituisce un elemento essenziale dell’alfabetizzazione di base, ma purtroppo viene molto spesso trascurata sia nell’educazione familiare che in quella scolastica. Imparare a suonare uno strumento è un percorso di grande valore pedagogico, che dovrebbe essere accessibile a tutti e non limitato alle lezioni private.

Viene spesso trascurato anche il semplice ascolto della musica, che non costa nulla, che regala un grande piacere a tutte le età e che spesso apre la strada a nuove curiosità e interessi.

Se vogliamo davvero percorrere la strada di una buona educazione musicale, evitiamo le avvilenti e ridicole canzoncine che le trasmissioni televisive e la produzione discografica propongono. La musica per i bambini non è quella dello Zecchino d’Oro, assolutamente inadatta dal punto di vista dei testi e ancora di più delle melodie, ma la musica popolare e, a seguire, la classica.

Quindi, già con i bambini piccolissimi, canteremo molto, scegliendo i motivi semplici dei giochi popolari infantili, che costituiscono un repertorio inesauribile. Poi passeremo alle canzoni popolari, legate a feste, eventi storici, usi locali.

Un orecchio così educato ricerca spontaneamente una musica di qualità. Perciò saranno i bambini a scegliere il loro repertorio di CD a cui avranno libero accesso. Possiamo proporre l’ascolto di alcuni brani e poi saranno loro a esprimere le loro preferenze.

I bambini vivono la musica anzitutto nel corpo e nel movimento, perciò sarebbe del tutto insensato imporre loro di ascoltare seduti e in grande concentrazione. La musica può benissimo accompagnare il gioco, i momenti in casa o (utilissima!) i noiosi spostamenti in auto.

lapbook Bach

Per molto tempo i nostri viaggi in auto, lunghi e brevi, sono stati accompagnati dai Concerti Brandeburghesi di Bach. I bambini avevano ascoltato il CD e l’avevano trovato “forte” o qualcosa del genere. Abbiamo cercato e ascoltato anche molti altri brani strumentali (le cantate no, abbiamo a che fare con dei puristi).

A un certo punto i bambini hanno cominciato a fare domande sull’autore delle musiche che amavano tanto e così abbiamo cominciato un percorso attraverso la vita e l’opera del compositore tedesco. Lo abbiamo alla fine raccolto in un lapbook, di cui potete vedere i dettagli e scaricare il modello su Solo Lapbook.

Bach 2

Anche i materiali che abbiamo utilizzato (audiolibri, immagini, video, materiali d’ascolto) sono talmente tanti, che ho dedicato loro uno Speciale Bach.

this lens' photo

Per tentare di smorzare quello che andava delineandosi come un vero e proprio fanatismo, ho tentato di introdurre Mozart, che, sulle prime, è stato accolto con un’indignazione da loggionisti. Poi però, con il passare dei giorni, una breccia si è aperta nel muro dell’ortodossia, mio figlio maggiore ha commentato che, in fondo, non era poi così male (Mozart gliene sarà grato, immagino) e adesso possiamo almeno avere una colonna sonora diversa per alcuni dei nostri viaggi.

Avendo intravisto uno spiraglio, ho proposto anche l’Inno alla gioia di Beethoven, ma evidentemente ho esagerato e il loggione ha cassato immediatamente la nuova entrata con una bordata di fischi.

Le differenze evidenti tra le musiche ascoltate hanno comunque suscitato molta curiosità e, dato che abbiamo in famiglia un fanatico delle date, abbiamo pensato a una timeline che mettesse un po’ d’ordine. Le linee del tempo (o timeline) costituiscono uno strumento utilissimo per visualizzare la struttura cronologica degli eventi, al di là della meccanica memorizzazione delle date. Abbiamo utilizzato molte immagini per esprimere visivamente le caratteristiche del periodo artistico, attraverso quadri, costruzioni architettoniche, abiti, perché un’immagine dice molto più di mille parole, come recita un proverbio cinese.

Ecco quindi la nostra timeline, pronta da appendere.

music-timeline (1)

Ci siamo accorti che alcuni dei compositori citati li conoscevamo già e avevamo ascoltato le loro musiche, perciò le abbiamo annotate nei minibooks a loro dedicati.

Per la copertina abbiamo scelto una classicissima santa Cecilia, ridisegnata a partire da una stampa popolare:

santa-cecilia-lapbook (1)

Anche qui i modelli sono disponibili e stampabili da Solo lapbook, dove ho realizzato anche altri minibooks e un modello base per i lapbooks sui compositori, da personalizzare a piacere.

Dato che mi è un po’ presa la mano, ho realizzato anche molte altre idee, come schede biografiche da completare, un glossario, una guida all’ascolto, un modello per un ritratto da appendere, che potete trovare alla sezione Musica della pagina Materiali. Altri materiali sono in preparazione e verranno pubblicati nei prossimi giorni. Ho poi raccolto tutto il materiale trovato nel web in due Speciali: Musica classica con i bambini e I grandi della musica.

  

Il nostro viaggio nel mondo della musica classica è solo cominciato: il mese di gennaio è tutto dedicato a Mozart, il cui compleanno cade il 27.

Peanuts-Schroeder-MOZART

Modelli e immagini dettagliate del lapbook e della timeline sono disponibili su

banner solo lapbook

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...