Holidays book – The Groundhog Day

Groundhog's day cover

Il 2 febbraio, secondo una tradizione nordamericana, è il Groundhog Day, il Giorno della Marmotta, durante il quale il simpatico roditore si sveglia dal letargo invernale e mette il muso fuori dalla tana per vedere se l’inverno è finito.

La tradizione vuole che, se la marmotta vede la sua ombra (ovvero se la giornata è limpida), ci saranno altre sei settimane d’inverno, se invece non la vede (ed è nuvoloso) allora l’inverno è davvero finito.

La cosa che ci ha più incuriosito è che anche in molti paesi italiani il 2 febbraio, giorno della Candelora, in cui in chiesa si benedicono le candele, è un giorno da cui vengono tratti gli auspici per le condizioni meteorologiche di fine inverno. Da noi si dice

Candelora candelora, dell’inverno siamo fora

ma se piove o tira vento, dell’inverno siamo dentro!

E anche da noi un cattivo auspicio alla Candelora significa altri 40 giorni d’inverno, proprio come nella tradizione americana, anche se da noi il cattivo auspicio è dato da vento e pioggia.

Questo aspetto ci ha fatto riflettere sui giorni speciali del calendario, che consentirebbero di prevedere il tempo del mese successivo. Basati su secolari osservazioni della natura, i detti tradizionali in ambito meteorologico sono di solito molto affidabili. Lo abbiamo osservato nel corso degli anni, attraverso le nostre registrazioni sul quaderno delle stagioni e sull’almanacco, e abbiamo potuto constatare che costituiscono davvero un sapere sedimentato nel corso delle generazioni in base all’esperienza, alla conoscenza dei luoghi e ai segni della natura.

Abbiamo individuato alcuni di questi giorni segnatempo della nostra zona, tra i quali la Domenica delle Palme, san Michele (29 settembre), san Gallo (16 ottobre), santa Bibiana (2 dicembre). Abbiamo anche trovato alcuni detti che non prevedono il tempo per i giorni a venire, ma segnano un punto di svolta nel cerchio dell’anno, come i primi due giorni di novembre, dopo i quali non si può più seminare né raccogliere; san Martino, con la sua celebre estate; santa Caterina (25 novembre) che da noi porta sempre il primo forte abbassamento di temperatura; Natale, che segna il momento in cui il giorno comincia ad allungarsi; sant’Agnese (21 gennaio) in cui una sequenza di giornate calde fa svegliare i primi animali dal letargo…

Abbiamo notato che questi giorni erano tutti indicati non con la data ma con il santo corrispondente, indice del fatto che il calendario era ritmato dalle ricorrenze e dagli usi religiosi.

Il Groundhog Day ci sembrava dunque particolarmente interessante, tanto più che la tradizione locale e quella nordamericana erano in conflitto. Abbiamo dedicato alla marmotta e al suo risveglio una pagina del nostro Holidays book, individuando where, when, why, what, ovvero gli elementi essenziali per collocare l’usanza nello spazio, nel tempo e nella tradizione culturale. Abbiamo trovato su Dltk una semplice poesia che raccontava la tradizione, corredata da un disegno da colorare:

Groundhog's day 1

Una cartina ci ha aiutato a individuare i paesi da cui proviene questa usanza e a collocare la Pennsylvania, in cui la festa nacque nel 1886. Un minilibro a forma di candele raccoglie il nostro detto sulla Candelora, mentre in alto si può vedere un piccolo dizionario dei termini inglesi legati al Groundhog Day, scaricabile da Enchanted Learning per gli  associati.

Groundhog's day 2

Per la copertina abbiamo realizzato, a partire dall’illustrazione di Activity Village, un collage tridimensionale in cui la marmotta fa capolino dalla tana. La figura è incollata su cartoncino e viene mossa grazie a una linguetta che spunta sul fondo.

Groundhog's day cover

Dato che ci siamo appassionati ai giochi da tavolo, ci siamo divertiti a realizzare il Groundhogs Day Board Game di Artists helping children, una semplice variante del gioco dell’oca con imprevisti. Abbiamo leggermente modificato il modello originale, rifinendo le pedine e le carte con le illustrazioni di Activity Village e colorando il piano di gioco con le cerette. Una scatola di fiammiferi decorata con un collage permette di non perdere nessun pezzo:

Groundhog's day game

Il gioco è semplice e adatto anche a bambini piccoli. Noi abbiamo lasciato le istruzioni in inglese per imparare alcune frasi e alcuni vocaboli. I giochi da tavolo sono molto utili anche a questo scopo.

Il 2 febbraio da noi pioveva e tirava vento: chi avrà ragione? Il nostro vecchio detto o la marmotta d’oltreoceano?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...