Gli animali dell’aria

felted birds 2

Riprendere in mano un argomento dopo alcuni mesi permette di rendersi conto di quanto i bambini sono progrediti nelle competenze di base. È molto utile, per esempio, far notare loro quanto siano più precisi e corretti nella scrittura, oppure quanto i disegni siano più accurati, non per disprezzare quello che si è fatto prima, ma per assaporare i frutti degli sforzi e dell’impegno. I bambini sono molto orgogliosi dei loro progressi e ne traggono energia e incoraggiamento nei momenti di stanchezza. Non c’è bisogno di esagerare nelle lodi: se ci sono dei reali progressi si imporranno con la loro evidenza, se invece ci sono degli aspetti su cui non si sono fatti passi avanti, se ne prenderà semplicemente atto insieme, interrogandosi su come lavorare in futuro su quell’aspetto.

Con l’arrivo della primavera, abbiamo voluto integrare il nostro percorso sugli animali con un capitolo sugli uccelli. Rispetto al lavoro realizzato quest’estate sugli animali del mare e sul cervo, i bambini avevano affinato ed esercitato molte competenze, permettendoci così di utilizzare strumenti più complessi e di strutturare tre semplici percorsi di ricerca.

Il primo percorso sperimentale ha riguardato il progetto della LIPU Spring alive, volto a monitorare la migrazione di rondini, rondoni, cicogne, gruccioni e cuculi. È un progetto che seguiamo da diversi anni, ma questa volta lo abbiamo inserito in un percorso più articolato. I bambini hanno scelto un migratore a testa (la cicogna e la rondine) e ne hanno seguito gli avvistamenti annotandoli su una cartina che abbiamo stampato da D-maps. Abbiamo preparato degli appositi fumetti in cui annotare luogo, data e numero degli esemplari avvistati:

spring alive poster

I dati raccolti hanno fatto sorgere molti interrogativi e curiosità sugli animali scelti e sulle rotte migratorie seguite. Utilizzando le schede proposte sempre nel sito di Spring alive, i bambini hanno preparato delle brevi ricerche, completandole con le cartine delle migrazioni. Per permettere ai bambini di lavorare il più possibile in autonomia, ho preparato degli stampabili che suddividessero l’argomento trattato in punti essenziali e che possono essere scaricati nella sezione Materiali.

bird nature journal 5

bird nature journal 2

bird nature journal 6

Ho anche predisposto dei fumetti che invitassero a completare i disegni con delle didascalie, per affinare le capacità di osservazione: la forma delle ali, delle zampe, del becco e della coda dice moltissimo sulle abitudini dell’uccello osservato.

bird nature journal

bird nature journal 4

La cicogna ci ha stupito per le sue dimensioni. Per rendercene ben conto, abbiamo realizzato un disegno a grandezza naturale. Impressionante!

stork

Della rondine, invece, ci ha colpito il fatto che non si posa mai a terra. Per studiare le caratteristiche del suo volo, così peculiare, fatto di planate e piroette acrobatiche, abbiamo realizzato degli origami che hanno la curiosa capacità di riprodurlo abbastanza fedelmente. Il modello si trova in Divertiamoci con carta e cartone, di U. Barff e H. Maier, purtroppo fuori commercio, ma reperibile nelle biblioteche.

swallow origami

Un percorso di studio sulla migrazione degli uccelli non può fare a meno della visione di Il Popolo Migratore, il bellissimo documentario di Jacques Perrin.

Un altro progetto che portiamo avanti da alcuni anni e che abbiamo tematizzato in modo più approfondito è quello della mangiatoia invernale, che predisponiamo in giardino e che attira decine di specie di uccelli. Abbiamo voluto realizzare un vero e proprio censimento attraverso un cartellone. Le specie erano davvero tante e siamo ricorsi ai disegni già fatti per venire a capo dell’opera:

bird poster 2

Per alcuni uccelli i bambini hanno voluto realizzare dei modelli in lana infeltrita ad ago, con tanto di ovetti e di nidi. Per chi non conoscesse i lavori con la lana cardata, nel libro Felted Feathered Friends è possibile trovare dei modelli a cui ispirarsi. Un bellissimo poster interattivo sulle uova delle diverse specie di uccelli si trova invece su Ornithologe:

wood birds

Abbiamo registrato con puntualità gli avvistamenti e le attività che abbiamo potuto osservare in uno schema che si può scaricare alla sezione Materiali. Infine, i bambini si sono cimentati con una classificazione degli uccelli in base al comportamento invernale, all’aspetto e alla dieta, in base a uno schema molto efficace fornitoci gentilmente da Pamela (grazie mille!! :-)).

bird nature journal 3

birds nature journal

classificazione uccelli

Per chi volesse cimentarsi il prossimo inverno con mangiatoie e nidi artificiali, il testo di riferimento è il bellissimo libro di T. Soper, Come nutrire gli uccelli selvatici intorno a voi e proteggerli dalle intemperie, con l’unica accortezza che il testo fa riferimento al clima inglese: in alcune zone d’Italia è possibile che vadano anticipati i periodi di nidificazione e di passo.

Il progetto più particolare è stato costituito dall’osservazione di un nido di cigni. Nel porto del nostro paese ogni anno viene predisposto un riparo per permettere ai cigni di nidificare. Abbiamo avuto così la possibilità di osservare la cova fin dalla deposizione delle uova, annotando le osservazioni su appositi fogli di calendario. Questo lavoro di registrazione e di disegno proseguirà per i mesi estivi e autunnali, fino alla completa muta del piumaggio che nei cigni giovani non è bianco, ma grigio (come insegna la favola de Il brutto anatroccolo…).

swan nest project

swan nest

Anche qui abbiamo realizzato un cartellone, con gli uccelli del canneto, che conosciamo bene e di cui abbiamo modo di osservare il comportamento e i piccoli, e una scheda tutta dedicata al cigno:

bird poster

Il nostro percorso è stato accompagnato dalla lettura di un classico per l’infanzia purtroppo poco conosciuto in Italia: si tratta di Il viaggio meraviglioso di Nils Holgersson, di Selma Lagerlof, maestra elementare e autrice svedese di inizio secolo, nonché prima donna a vincere il Nobel per la letteratura. Nils è un ragazzino dispettoso e pigro, che ama fare brutti scherzi agli animali, finché ha la pessima idea di prendersela con uno gnomo. Un incantesimo lo trasforma in un essere alto pochi centimetri, ma con la straordinaria capacità di comprendere il linguaggio degli animali. Suo malgrado, Nils è costretto a seguire le oche selvatiche nella loro migrazione verso la Lapponia, nel corso della quale farà incontri ed esperienze straordinarie.

Il testo, che incantò da bambino Konrad Lorenz influenzandone profondamente la vita e l’opera, è abbastanza complesso e adatto ai bambini a partire dai 9-10 anni. Indispensabile, per non perdersi nel corso del viaggio, una cartina della Svezia. Con l’indispensabile collaborazione di Pamela (ri-grazie! :-)), abbiamo interpellato mezza Svezia, ma non siamo riusciti a trovare niente che facesse al caso nostro. Così abbiamo provveduto a costruircela da soli, con una cartina muta di D-maps, alcuni disegni e l’immagine (purtroppo sfocata…) trovata su Sara Cat writes, che riporta altre informazioni interessanti sul libro e la sua autrice:

Nils Holgersson map

La primavera è arrivata! A nord! A nord!

Quack quack! (Io sono qui, tu dove sei?)

Altri materiali e spunti, in particolare per imparare a disegnare gli uccelli, si trovano nella mia bacheca Pinterest dedicata alla zoologia.

Altre idee sul bel libro di Selma Lagerlof le trovate in questo bel post di Voglio una mela blu.

Annunci

10 pensieri su “Gli animali dell’aria

      • trovo, trovo. Conosci qualche edizione italiana che ne contenga una… BELLA? In rete ho trovato un’immagine di bassa qualità e basta 😦

        Ecco, vorrei…….. una cartina-illustrazione, se possibile, grazie 😉

  1. Dev’essere la stessa che ho trovato io. Pensa che abbiamo scritto anche all’Ente del Turismo Svedese, ma non abbiamo trovato niente! Per quello alla fine ci siamo arrangiati così… 😦 Magari qualche vecchia edizione nei mercatini..

    • avete scritto anche all’ente!?!?!? mitici!!!
      Comunque avete fatto bene, facendola a mano l’avete imparata di sicuro meglio 😉
      Eh, i mercatini…. sguinzaglierò qualche amico appassionato!!! buona idea! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...